Follow by Email

lunedì 9 gennaio 2012

che genere di ragazza sei oggi?

Mezzo addormentato sul divano..di soprassalto sono svegliato dal telefono che suona. rincoglionito rispondo al telecomando e accidentalmente passo su extreme makeover. come ogni volta sogno di parteciparvi. E' Ugo. mi chiede che genere di ragazza sei oggi? No perchè io mi sento molto Jo Squillo come genere di ragazza. sai come quando lei balla e canta a fine puntata vicino gli scogli. Io ho praticamente un costume intero sgambatissimo anni novanta, gli orecchini a cerchio grandissimi e i capelli a frisè tirati indietro con una pinza. Sono anni che in tutte le nostre telefonate io e Ugo ci chiediamo che genere di ragazza sei oggi. non è altro che uno stato d'animo che si trasforma nelle donna che saresti quel giorno. io ho ancora un pezzo di ciambella che si intravede dalla bocca. è spontenea la risposta. Sono molto bulimica come genere di ragazza.e passo a rassegna quello che ho ingurgitato sin da quando mi sono svegliato. ho aperto gli occhi e mi sono subito detto:un bicchierone d'acqua e la giornata comincia da paura. bicchierone d'acqua. caffè. nespresso. ristrettou. un mutuo praticamente. uno yogurt greco 0%, un bicchiere di latte di soia e due cucchiai di crusca di avena. oggi la mia alimentazione sarà perfetta. dukan sarà fiero di me. entro il 20 sarò sgonfio. l'abito mi starà più comodo. sarò felice. vincerò 50mila euro, mi sistemo i pensieri e posso sostenere il trasloco x qualsiasi città nuova senza grosse difficoltà. ci credo . sono convintissimo. mi metto quasi a piangere pensando a quanto sarò felice con quei 20mila euro da bruciarmi in 15 minuti e ai quei skinny jeans con quella maglietta che non mi va più.l'allucinazione però è breve. ha durata massima sei ore. ma solo se sono fortunato. nella maggior parte dei casi dura qualche decina di minuti. trenta , o quaranta forse. non so dire esattamente  quando entrano a dominare la scena i sentimenti di fallimento e sconfitta. ma non appena li annuso, li respiro, li sento. tutto diventa una sola cosa: ho fame!
scendo di corsa. ho in tasca il portafogli. ma non sto correndo all'incontro con il pusher. anzi il pusher c'è. ma non spaccia coca, MD o keta. spaccia pizze. panzerotti con cicoria e mozzarella. supplì. si che io sono uno di quelli che pensa che quando la vita si fa complicata la cosa migliore da fare è mangiare una polpetta di melanzana, ma ultimamente è un'ossessione. l'abbuffata in versione trainspotting. il mio unico pensiero è il maritozzo alla panna. anzi quello allo zabaione. l'ultima volta sono andato in pasticceria. quella vicino casa ovviamente. i serial killer colpiscono sempre negli ambienti familiari inizialmente. mentre ordinavo le paste  ed esageravo , vidi un tubicino uscire dal naso della signora che mi serviva e che si raccoglieva alle sue spalle in uno zainetto. guardai sbigottito. lei mi fulminò e con l'aria arrabbiata mi si rivolse blaterando che quello era un sondino per dimagrire. io ho pensato  al pranzo della signora,e a tutte le pasterelle smaciullate nello stomaco e che venivano  trasferite attraverso il naso in un sacchetto. mi persi nella vista del banco frigo come in una sindrome di stendhal. mi venne da vomitare. per un momento ho pensato ad un segno dall'universo. una con un sondino per dimagrire che serve in una pasticceria un ossessivo compulsivo. deve esserci una ragione per questo. non importa. dopo aver pagato mi dirigo verso casa. consumo tutto il vassoietto che sono ancora in ascensore. entro in casa che ho tutte le prove del delitto accartocciate per essere gettate nella pattumiera. mi sdraio sul letto. metto le mani sulla pancia e mi dico. sono proprio grassa come genere di ragazza.

4 commenti:

  1. bravissimo ..sarei la prima a comprare un tuo libro qualora tu lo scrivessi...bravo davvero..

    RispondiElimina
  2. MILANO 13/01/2012
    Che Ragazza Sono oggi?
    Mah pensandoci bene credo di sentirmi vagamente un po una casaliga SOLA e frustata …fredda e algida ,un po come la ” Desperata Bree”:famosa per nascondere le peggiori frustrazioni dietro a dei sorrisi e ad un comportamento formale ed educato, per poi sfogarsi in privato,aspetta di essere sola per piangere disperatamente e poi riprendere la sua immagine quasi perfetta.
    SI si è proprio cosi… preparo cenette deliziose (ipercaloriche e terrone), chiacchiero con il mio coinquilino per un’ora ….. poi magicamente il citofono suona e mi si apre un mondo nuovo...Mi chiudo in camera a guardare un’ennesima puntata delle casalinghe vista e rivista….
    E mentre io mi faccio i miei viaggi.. lei è li pronta a scolarsi un’altra bottiglia di chardonnay.

    RispondiElimina
  3. @elisa: sarai la prima allora ad avere una copia autografata! :)

    @anonimo:non so se dirti di non rispondere al citofono oppure di smettere di guardare la stessa puntata delle casalinghe che ti sta facendo proprio male.. però se leggi il mio ultimo post su come mi senta ally mcbeal, il mio cosiglio sarebbe che un buon modo x iniziare a sentirsi meglio è essere grati per quello che si ha. funziona. http://www.thesecretitalia.it/

    RispondiElimina
  4. Oggi mi sento molto Jet Set House, come genere di ragazza!

    RispondiElimina